CANADA - West Coast Trail

Eccoci arrivati in Canada, destinazione Vancouver Island nella provincia del British Columbia, obbiettivo del viaggio "West Coast Trail" un trekking di 75 Km nella foresta, dove devi essere completamente autonomo.
Ma andiamo per ordine, giunti all'aereoporto di Vancouver, ci guardiamo un'attimo intorno per capire come muoverci, ecco: trovato individuato l'autobus che ci porterà alla nave per andare all'isola.
Il tragitto in nave è subito molto piacevole, il panorama ti lascia incantato e i canadesi sono delle persone squisite.
Arrivati alla bellissima Victoria la capitale della Columbia Brittanica, cerchiamo subito un alloggio trovando un Hostel Backpackers, da questo Hostel spostandoci a piedi, una delle sorprese più belle è stata di trovare Johnn's Place, un rinomato ristorante del posto, famoso per le sue incredibili e abbondanti colazioni ad un ottimo prezzo, un posto che appena arrivi ti sembra di essere a casa, il locale è strapieno di foto di personaggi credo famosi, il personale ti tratta subito in modo gentile e amichevole, ma le colazioni saranno un bellissimo ricordo che non ti abbandonerà mai, ancora oggi ogni tanto scherziamo dicendoci se andiamo da John a fare colazione, e la risposta è sempre la stessa "magariii!!!"
Adesso siamo pronti per il West Coast Trail, quest'anno si è aggiunto un altro viaggiatore "Maja", una cara amica di Moni che ha compiuto 60anni, si avete letto bene 60. Questa donna, ha fatto il trekking senza nessun problema, per lei era semplicemente una passeggiata.

Questo trekking è stato considerato tra i primi 10 più difficili al mondo.
Andrea: "essendo convinto di essere ancora un giovanotto forte come un tempo, il primo giorno ho avuto un crollo psico/fisico. Avrei letteralmente buttato zaino, scarponi e tutta l'attrezzatura. Sarei tornato volentieri in albergo a buttarmi a letto con una birra ghiacciata e non fare più nulla, ma grazie al sostegno di Moni e Maja, che si sono caricate un pò di peso in più, allegerendo il mio zaino sono riuscito a portare a termine l'impresa".
Il West Coast Trail è un'impresa all'estremo, ogni zaino pesava circa 20 kg, terreni fangosi, sue giù per scale a pioli lunghissime, pioggia, ti devi caricare di acqua che non trovi per strada, se a tutto questo aggiungiamo gli ultimi anni di inattività sportiva, problemi di salute, allora sei veramente casini, ma oggi posso "dire c'è lo fatta!"
Il West Coast Trail è un trekking lungo 75 km che costeggia la costa sud occidentale dell'isola di Vancouver Island. Il percorso fu costruito nel 1907 per facilitare il salvataggio delle vittime di naufragio delle navi che si schiantavano lungo la costa.
 FINE PRIMA PUNTATA
Ci vediamo tra qualche Km!!!!!


II PUNTATA  


Continuiamo il nostro trekking, forse i primi tre km sono andati abbastanza bene senza intoppi, il sentiero si faceva sempre più fangosi






, iniziavamo ad incontrare le prime scale



una volta incominciata la discesa, Andrea ha inziato ad avere la sua crisi psico/fisica, avendo problemi di equilibrio scendere per quei sentieri ricoperti di fango è stata veramente dura, le cadute e i lividi ha smesso di contarle, creandogli una situazione di sconforto, ma grazie all'aiuto fisico e psicologico di Moni e Maja,






ma chi c.... me lo fa fare???





sarebbe rimasto tranquillamente ad aspettare l'arrivo di un orso.

Finalmente arriviamo al primo campo base situato in una bellissima spiaggia,






dove iniziamo a montare le tende, le vettovaglie una volta finito di mangiare bisogna appenderle ad un albero ad una determinata altezza, per evitare che qualche orso venga invitato a cena




Andrea dopo il riposo e gli incoraggiamenti, decide di continuare il trekking!






era meglio una birra!





III Puntata


L'avventura continua, si fa sempre più impegnativa con ponti lunghissimi sospesi a centinaia di metri








in alcuni punti le scale non bastano più, bisogna arrampicarsi con le funi



troviamo delle funivie, da far funzionare con la forza delle proprie braccia






ma dopo giorni di cammino e di porridge (un pappone schifoso a base di farina di avena) scopriamo che a metà strada c'è un indiana con la sua tenda, che vende hamburger e birra.









allora per raggiungere la meta desiderata, attraversiamo un fiume e facciamo una tappa di 12 km, sembrano pochi ma provate a farli con uno zaino di 20 kg camminando sulla sabbia.






ma porca p......






IV e ultima puntata West Coast Trail


Dopo aver raggiunto il chiosco di Monique ed esserci rifocillati come si deve, dopo aver fatto un'ottima colazione riprendiamo il l'avventura.


Il cammino è sempre difficile e pesante,




e pieno di insidie








ad un certo punto non trovando un campo base, facciamo sosta lungo la spiaggia, la notte fa una vera e propria tempesta, l'indomani mattina troviamo una parte dei sacchi a pelo fradici, fortunatamente gli zaini hanno sopportato bene la pioggia, ma il morale è letteralmente sotto i piedi.








La pioggia continua per i prossimi 5 km, ma non stiamo parlando di due goccioline stupide, ma di un vero temporale! Di quelli che ti trovi bagnato (nonostante un equipaggiamento rispettabile), anche le mutande.Ma ad un certo punto troviamo un altro miraggio il Nitinat Narrows,








un chiosco dove ti devi fermare per forza per prendere un traghetto e raggiungere la riva opposta del mare, ma in questo piccolo chiosco ti puoi riscaldare con un enorme stufa a legna e mangiare granchi enormi cotti al vapore, salmone o delle semplici patate.





Moni non mangia pesce quindi l'unica soluzione è stata le patate, Maja il salmone ed Andrea ha mangiato il granchio che è stata una vera squisitezza, per lui valeva la pena fare il trekking solo per mangiare quel granchio.


La pioggia non accennava a diminuire, avendo da terminare parecchia strada ed essendo fradici, Andrea preso dallo sconforto decide di voler abbandonare, ma Moni essendo la più motivata, riesce a convincere gli altri a continuare, allora tra una accesa discussione e l'altra decidiamo per proseguire. Fortumatamete improvvisamente cambia il tempo e smette di piovere








Riusciamo a giungere all'ultimo campo base, ci mancano circa 13 km,








il sentiero è decisamente più agevole, Andrea sicuramente preso dalla motivazione di finire, mette decisamente il turbo, e questa volta sono gli altri che fanno fatica a stargli dietro.










Arriviamo finalmente alla fine trovando una semplice casa di legno, senza nessuna aria di arrivo, tanto che Andrea camminava talmente veloce che non si accorge della presenza e continua diritto, tanto che viene chiamato a gran voce.


Da parte di Andrea, il West Coast Trail è stata una esperienza che ha odiato, gli ha lasciato dolori ai piedi per i successivi due mesi, ma oggi ringrazia ancora Moni e Maja di averlo aiutato a terminare questa bellissima impresa, che oggi la vorrebbe ripetere.


Grazie di cuore Andrea!!









Evviva evviva c'è l'abbiamo fatta!!!
































Nessun commento:

Posta un commento

Per mettere un commento se non avete un account Google spuntate su anonimo, scrivete quello che volete e firmatevi, sia positivo che negativo (tanto li posso togliere, sssst stai zitto altrimenti non scrivono nulla!).
Grazie Andrea e Moni